L'organizzazione non-profit SIHA - Senior Health International Associazione rappresenta anziani europei e/o europei che vivono con malattie croniche ed il suo obiettivo è quello di salvaguardare i diritti dei cittadini oltre i 65 anni di età con patologie croniche, SIHA pertanto si impegna a preparare il seguente documento di consenso all’aderenza alla terapia con il contributo delle principali società scientifiche europee e delle organizzazioni che rappresentano il GPS, infermieri, farmacisti, istituzioni, industria.

Questa Carta è stata redatta nel corso del 1 ° Congresso Europeo sulla Aderenza alla Terapia, con il patrocinio del Parlamento Europeo e il Comitato delle Regioni. Il Congresso si è svolto a Roma il 18-19 novembre 2016 sotto la Presidenza di Giovanni La Via, presidente della commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare - Parlamento europeo e il Presidente onorario Gianni Pittella, presidente del gruppo dell'Alleanza progressista Di Socialisti & Democratici al Parlamento europeo

Carta europea sull'aderenza alla terapia

Panoramica su un livello di Unione europea

Secondo i dati Eurostat, all'inizio del 2013 la popolazione dell'UE-28 è stata stimata in 505,7 milioni di abitanti, con una il 18,2% rappresentata da persone di età superiore ai 65 anni. Quasi ovunque in Europa vi è stato un aumento della quota della popolazione anziana, come risultato dell'aumento della speranza di vita, negli ultimi 50 anni è aumentato nell’UE con una media di circa 10 anni, grazie ad un miglioramento socio-economico e alle condizioni ambientali, all’assistenza sanitaria e alle cure mediche.

Entro il 2025 oltre il 20% degli europei avrà più di 65 anni e il numero di ottuagenari aumenterà rapidamente. L'aspettativa di vita maggiore rappresenta ovviamente un effetto positivo dei progressi nella prevenzione e cura, ma implica anche una sfida per i servizi sanitari, a causa della elevato livello di complessità dei bisogni di salute degli anziani, facendo tra altri cura e, in particolare, l'uso di farmaci un compito impegnativo. Sappiamo da ora che le condizioni fondamentali per l'invecchiamento attivo e in buona salute include non solo la prevenzione e l'adozione di stili di vita sani, ma anche aderenza alla terapia.

In genere, gli anziani rivelano la coesistenza di più malattie croniche e condizioni cliniche che non possono essere attribuiti a una specifica malattia e spesso hanno molteplici cause. Il trattamento farmacologico di un paziente complesso è un compito impegnativo per tutti i soggetti coinvolti nella cura del paziente, considerando che il 50% delle persone oltre i 65 anni soffre di multimorbilità e che il 40% di quelli oltre sessantacinque consuma tra 5 e 9 farmaci.

Si stima che ogni anno la scarsa aderenza ai trattamenti medici in Europa provoca circa 200.000 morti e una spesa per la salute fino al 80 miliardi di euro all'anno (fonte AIFA).

L'aderenza alla terapia da parte dei pazienti che soffrono di dolore cronico raggiunge in tutta Europa, con valori diversi a seconda delle malattie croniche, circa il 50%. Sappiamo ormai che le condizioni fondamentali per l'invecchiamento attivo e in buona salute include non solo la prevenzione e l'adozione di stili di vita sani, ma anche l'aderenza alla terapia. Sappiamo anche che la non aderenza al trattamento comporta il rischio di recidiva e negativi eventi, e che questo, oltre ai rischi per la salute, si traduce in costi addizionali cura costi, che possono essere ridotti. Negli Stati Uniti è stata misurata che non aderenza al trattamento determina € 100.000.000.000 di ricoveri evitabili .

L'Europa e gli Stati membri hanno il dovere di tentare ogni possibile soluzione per aumentare il livello di aderenza al terapia, per ottenere importanti risparmi e migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Punti chiave della Carta europea sulla aderenza alla terapia

1) L'aderenza alla terapia come un diritto per i pazienti cronici

L'aderenza alla terapia è un diritto del malato cronico, che deve essere adeguatamente formato e informato, coinvolto in un processo di responsabilizzazione che gli permette di seguire la miglio terapia proposta dal medico; allo stesso tempo il paziente dovrebbe seguire la miglior terapia per evitare qualsiasi peggioramento della sua condizione che si traduca non solo nel deterioramento della salute, ma anche in un aumento dei costi per il sistema sanitario.

2) L'educazione del paziente e, se necessario, degli operatori sanitari, per aumentare l'aderenza alla terapia

È importante che i pazienti o coloro che si prendono cura di loro, vale a dire le famiglie o gli assistenti, siano adeguatamente informati circa l'importanza di aderenza alla terapia e il rischio della non aderenza. Ciò richiede un coordinamento tra medici generici, farmacisti, associazione dei malati e l'intero sistema sanitario, attraverso l'informazione e campagne di sensibilizzazione, sviluppo di programmi di auto-monitoraggio e auto-gestione dei farmaci, e di azioni a più livelli.

3) Awareness delle famiglie e la famiglia badante

Gli assistenti familiari devono aiutare i pazienti con malattie croniche, aumentando l'aderenzaalla terapia.

Devono assistere i pazienti per controllare il corretto dosaggio e le informazioni di somministrazione del farmaco, per aiutare con il farmaco e/o ricordare ai pazienti di prendere il loro il farmaco al momento/dose programmata e la correlazione con il cibo; devono anche vigilare quando i pazienti assumono farmacier garantire che li stanno prendendo come prescritto e per evitare errori terapeutici.

Inoltre, gli assistenti familiari devono aiutare i pazienti ad affidare le prescrizioni, rinnovare le prescrizioni, e ritirare le prescrizioni, perché non farlo in modo tempestivo è un causa importante alla non aderenza alla terapia.

Gli effetti collaterali legati all'uso di farmaci, l'ansia, o la depressione possono contribuire alla non aderenza alla terapia, e il monitoraggio di questi problemi è un compito importante che gli assistenti della famiglia possono svolgere.

Pertanto, è importante che qualsiasi nuovo sintomo o gli effetti collaterali osservati durante il trattamento vengano prontamente segnalate al personale sanitario, senza ridurre o l'arresto del farmaco.

4) Awareness della medicina generale

Il medico di famiglia è il principale punto di riferimento per il paziente anziano cronico; poiché ha una conoscenza approfondita della storia personale e lsociale del paziente, spetta a lui il ruolo di "personalizzazione" delle cure - in particolare in caso di comorbilità - attraverso una concertata attività delle indicazioni terapeutiche e farmacologiche consigliate da medici specialisti, ma ha anche il ruolo di promuovere e assicurare l'aderenza al trattamento da parte del paziente stesso.

Le organizzazioni di medici di medicina generale dovrebbero promuovere e sostenere attivamente tutte le iniziative finalizzate alla organizzazione e formazione specifica dei medici di base, come ad esempio per consentire il più efficace presa in carico del paziente, sviluppare una maggiore concentrazione di competenze cliniche trasversali, guadagnando crescente disponibilità di strumenti diagnostici, in via di sviluppo una crescita significativa a competenze manageriali, anche attraverso la disponibilità di strumenti di governo clinico, in modo proattivo dedicando più tempo ai pazienti per un'assistenza regolare e frequente e controllo dell'attività, attraverso una più efficiente organizzazione del lavoro mediante un'attività di gruppo.

I Medici di medicina generale devono sviluppare una rapporto con il paziente basato sulla fiducia e il dialogo, giocando un ruolo nella formazione del paziente e monitorare l'aderenza al trattamento.

5) Awareness delle società scientifiche e medici specialisti

L 'essenziale è che le linee guida, sviluppate dalle società scientifiche mediche nelle diverse aree terapeutiche, costantemente tengano conto della necessità primaria di promuovere l'adesione al trattamento dei pazienti cronici.

A tal fine, le società scientifiche e le organizzazioni di medici devono impegnarsi in una costante attività di formazione e sensibilizzazione nei confronti dei suoi membri e, in generale, il mondo della scienza medica.

I presidenti e gli organi sociali di queste società si impegnano ad individuare forme di cura del paziente, che, attraverso un attività integrata di medici specialisti, medici di famiglia  e farmacie territoriali, consentire un migliore  epiù efficente prendersi cura del paziente anziano cronico  offrendo indicazioni chiare a tutti gli operatori sanitari per garantire una maggiore idoneità e aderenza.

6) Awareness degli infermieri

Gli infermieri sono attori importanti nel settore sanitario sistema per migliorare l'aderenza alla terapia nei pazienti cronici.

Gli infermieri devono costruire una partnership strategica con prescrittori di programma di terapia, con pazienti, con gli operatori sanitari e con le famiglie al fine di garantire aderenza alla terapia.

Gli infermieri devono essere consapevoli sullo stato della malattia del paziente ,e delle risorse e del supporto servizi a loro e alle loro famiglie.

Le organizzazioni infermieri devono garantire competenze professionali attraverso la formazione in materia di farmaci, dispositivi medici, relazione umana e comunicazione dedicate alle persone anziane e pazienti cronici.

Le organizzazioni infermieri hanno di progettare programmi di aderenza dei farmaci per fornire le soluzioni paziente-centrica per massimizzare il coinvolgimento del paziente.

7) Awareness dei farmacisti

I farmacisti, i distributori di farmaci sul territorio, sono uno dei capisaldi della il processo di presa in carico dei pazienti cronici e come tali hanno un compito importante nell'attuazione e monitoraggio dell'adesione alla terapia.

Il farmacista è facilmente accessibile al paziente anziano cronico, é riferimento in caso di necessità per ottenere informazioni sulle malattie, per ricevere l'educazione alla salute, per fare una diagnosi di primo livello, per ricevere servizi di assistenza primaria.

Le organizzazioni di farmacisti dovrebbero promuovere e sostenere ogni iniziativa volta a sviluppare una farmacia di servizi, permettendo a quest'ultima di assistere il paziente anziano cronico nella ricerca per una maggiore adeguatezza: attraverso lo sviluppo di una maggiore intensità di conoscenza clinica di base e la disponibilità di strumenti per la diagnosi precoce, organizzando regolarmente giornate speciali dedicate all'informazione, prevenzione e diagnosi, attivando servizi di assistenza domiciliare per i pazienti affetti delle malattie più invalidanti.

8) Awareness dei produttori di farmaci

Le aziende di produzione di farmaci devono sviluppare sempre soluzioni terapeutiche sempre più adeghuate   per migliorare l'aderenza al trattamento del paziente, semplificando trattamenti (farmaci e dispositivi), considerando l'impatto sull'aderenza di combinazioni di farmaci monocomponenti rispetto alle associazioni, favorendo le confezioni pro-memoria e altre soluzioni che possono facilitare l'utilizzo appropriato dei farmaci da parte dei pazienti.

9) Awareness delle istituzioni

Il cambiamento epidemiologico delle malattie da acute a croniche ha reso i modelli di erogazione dei servizi sanitari inadeguati per far fronte alle esigenze di salute della popolazione.

Il supporto del sistema sanitario diventa essenziale soprattutto dove la cura del malattia cronica in un paziente fragile è lasciato a se stesso e non ci sono forme sociali di supporto per la tutela dell'individuo.

Le istituzioni devono pertanto rispondere a queste criticità, garantire l'accesso ai farmaci, il loro uso sicuro e appropriato, e mettere in atto attività istituzionali volte a migliorare l'aderenza al trattamento.

10) istituzioni europee

Le Istituzioni Europee dovrebbero coordinare la I governi nazionali degli Stati membri per fissare linee guida per programmi di responsabilizzazione per i pazienti sull'aderenza alla terapia; essi dovrebbero opportunamente finanziare programmi nazionali volti a coordinare la gli attori del sistema sanitario e di implementare nuovi modelli per l'impresa del paziente cronico e fragile. Inoltre, le istituzioni europee dovrebbero sollecitare l’industria del farmaco al fine di sviluppare strategie per migliorare la aderenza alla terapia (ad esempio, introduzione di molecole in associazione per ridurre l'assunzione del farmaco, la ricerca e lo sviluppo di  dispositivi medici pro-memoria).

Attraverso programmi europei, debitamente finanziati al fine di aiutare gli Stati membri a sviluppare progetti dedicati alla gestione della longevità delle masse, l'aderenza alla terapia dovrebbe essere promossa come indirizzo di base per il miglioramento della salute del paziente.

L'obiettivo generale è migliorare la qualità della vita di pazienti con malattie croniche e ridurre i costi sanitari.